Verso fuori.

Categoria: Yoyo Pagina 2 di 10

Aggiornamento rapido

A breve pubblicherò almeno quattro articoli tra cui una fotocomposizione di Giove che tramonta nel foro del monte Priaforà, un documento su un paradosso relativistico della contrazione delle lunghezze, alcune immagini e video del transito di Mercurio di lunedì. Abbiate un po’ di pazienza!

Un passaggio insolito

Oggi sono stato testimone di una strana congiunzione aeronautico-astronomica. Verso le ore 13.00 ho notato delle mongolfiere in cielo, che discendevano placide la vallata dirigendosi in pianura. Non è la prima volta che succede: penso siano pilotate da un gruppo di tedeschi che si diverte a fare delle trasvolate delle Alpi d’inverno.

Sequenza passaggio mongolfiera

Questa volta c’erano due mongolfiere. Una, restando lontana, ha imboccato la valle del torrente Posina e si è allontanata per di là. L’altra, proseguendo sopra la Val d’Astico, ha sorvolato i colletti di Velo puntando su Schio. È stato questo secondo pallone che si è reso protagonista di un passaggio sopra il disco solare, una specie di piccolo transito nel quale l’ombra dell’aerostato ha eclissato parte del Sole. Ne ho realizzato una piccola sequenza di foto, riprodotta qui.

È interessante notare gli effetti di diffrazione che si manifestano vicino alle intersezioni tra l’ombra della mongolfiera e il disco solare; questi sono visibili in particolar modo nella seconda e quinta immagine. Nel caso dei transiti planetari e quando ripresi con lenti a basso ingrandimento, essi danno luogo a delle forme “a goccia” del disco del pianeta transitante, difficili da fotografare. Il primo a descrivere fenomeni simili fu Leonardo: il genio toscano si accorse infatti che le ombre di due oggetti di uniscono “baciandosi” prima che gli oggetti si tocchino effettivamente.

Dev’essere bello sorvolare le Alpi in mongolfiera. Ricordo di aver visto una volta il Monte Bianco da un aeroplano di linea: fu un attimo, svettava sulle nuvole sottostanti maestoso, luccicante di neve. Chissà che paesaggi si vedranno, sospesi lassù…

Calendario 2016

Immagine del mese di giugno del calendario 2016

Quest’anno non sono riuscito a procurarmi i soliti calendari. A casa ho una tale mania per il tempo che in media ogni stanza ne ha uno; in questo sono superati solo dagli orologi, che non sono nemmeno calcolabili: ce ne sono nei corridoi, in cucina, nei bagni, in cantina, sotto la tettoia delle macchine, sui comodini, vicino ai letti, dentro ai letti,…

Ad ogni modo, non avendo trovato un valido sostituto del modello di calendario che avevamo usato sin’ora, l’ho rifatto uguale io con il software per impaginazione Scribus. Se non lo conoscete, sappiate che è davvero migliorato da quando lo usavo nel 2006 per impaginare il giornalino della mia scuola. All’epoca bisognava salvare ogni volta che si modificava il testo in un riquadro perché altrimenti all’errore di segmentazione successivo si sarebbe perso tutto quanto. Oggi mostra ancora delle leggere “stravaganze”, ma è decisamente più utilizzabile.

Se a qualcuno serve un calendario semplice con una riga lunga per ogni giorno del mese, in modo da poterci scrivere cose tipo “POF”, “Collegio Docenti”, “Visitone h. 14:00-20.30” e affini, eccolo qui: Calendario mensile 2016. Vi avviso che mancano i santi. Solstizi ed equinozi sono invece già inclusi!

Pagina 2 di 10

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén